5 feste cristiane che hanno origini pagane

Buongiorno a tutti, oggi per la rubrica “Lo sapevi che”, parliamo di tradizioni.

Non ci pensiamo mai, ma l’epoca moderna è comunque figlia – e frutto – del suo passato.

Molte usanze, usi, costumi, modi di dire o fare ci vengono tramandati dalla nostra cultura e dalle epoche più antiche.

Potremmo perciò stupirci di quante cose noi abbiamo ereditato (o spesso rubato) alle culture passate?

In questo articolo voglio elencarvi, in particolare, 5 festività cristiane che hanno origini, o che hanno preso spunto, da altrettante feste pagane.

1-Il Natale e i suoi simboli

Il Natale può essere considerata una delle feste più emblematiche del cristianesimo. Per la maggior parte delle Chiese ricade il 25 Dicembre, mentre per alcune ricade il 6 Gennaio (Il nostro giorno dell’Epifania) o il 7 Gennaio.

I cristiani iniziarono a festeggiare questo giorno solo intorno al IV sec. d.C., prendendo spunto da varie tradizioni, culti e festività. Prime fra tutte la festa ebraica dell’Hannukkah. Una festa che dura otto giorno, a partire dal venticinquesimo giorno del mese di Kislev, che coincide con dicembre.

Ma molte similitudini le abbiamo anche con alcuni culti pagani. Come, per esempio, quella del solstizio d’inverno, il giorno più corto dell’anno che i Celti festeggiavano proprio il 25 dicembre. Ancora una volta, questa data sembra assumere un certo valore.

In questo giorno si celebrava il Sole.

E gli stessi Celti, durante questo periodo, erano soliti decorare alberi sempreverdi. Non vi ricorda un po’ il nostro classico albero di Natale?

Per quanto riguarda i romani, invece, nei giorni precedenti al 25 dicembre, si festeggiavano i Saturnali, una festa religiosa dedicata al dio Saturno.

I romani erano soliti scambiarsi un augurio e dei doni. Un po’ come i nostri regali sotto l’albero di Natale.

Durante questo periodo l’ordine sociale poteva essere sovvertito, e gli schiavi potevano sentirsi temporaneamente uomini liberi. Veniva perfino eletto un “princeps”, che spesso indossava una maschera e vestiva con colori sgargianti quali il rosso.

E quale personaggio tipicamente associato al nostro Natale veste di rosso? Sì, proprio lui, babbo Natale.

Insomma, diciamo che i cristiani non hanno inventato quasi nulla di questa festa ma la loro originalità forse sta proprio nell’avere unito queste usanze, piccoli rituali e tradizioni, in un’unica festività, diventata la più apprezzata da tutti.

2-Ferragosto

Noi tutti quando pensiamo al 15 agosto, data della festa di Ferragosto, abbiamo in mente pic-nic, feste tra amici, grigliate e gite fuori porta.

Forse non tutti si sono mai chiesti, almeno una volta nella vita, da dove nasce questa festività? Perché la festeggiamo? E soprattutto, cosa festeggiamo? E poi, perché è una festa tipicamente Italiana?

Partiamo dalla prima domanda. Ferragosto deve la sua origine, e anche il nome, alla festa pagana denominata Feriae Augusti, istituita proprio dall’Imperatore Augusto come momento di riposo dopo la fine del periodo di lavoro agricolo e serviva proprio ai braccianti per riprendersi dalle fatiche dei campi.

Si festeggiava originariamente il 1° di Agosto ma quando poi la festa fu assimilata dalla chiesta Cattolica, la data venne spostata al 15 di agosto, per farla coincidere con l’Assunzione di Maria.

L’aspetto più conviviale di questa festa ci viene tramandato dall’epoca fascista, quando a metà degli anni venti, il regime fascista organizzava in quel periodo i treni popolari di ferragosto, convogli a prezzi stracciati per invogliare le persone a partire per una piccola gita.

La festa, come detto prima, è tipicamente Italiana. Anche in Irlanda si festeggia il 15 agosto ma solo come Assunzione di Maria, senza alcun altro significato.

3-Pasqua

Come il Natale, anche la Pasqua è una delle festività principali della religione cristiana, essa celebra la resurrezione di Gesù.

La Pasqua cade la prima domenica dopo il primo plenilunio di primavera, quindi una festa legata (per così dire) all’equinozio di primavera.

Proprio il concetto di resurrezione e rinascita, con tutti i probabili simbolismi legati, e che spesso è associato a questa stagione, che viene ripreso da un culto pagano in particolare.

Quello della dea Eostre, divinità poi diventata anche simbolo di festività, la festa di Ostara, dove si celebrava la rigenerazione della natura e la rinascita della vita e coincideva appunto con l’equinozio di primavera.

La Pasqua ha “assimilato” molti dei simboli collegati a questa tradizione; come l’uovo, da sempre considerato emblema della nascita, e presente in molte culture antiche; E anche il coniglio pasquale, che rappresenta la fertilità, è in realtà ripreso dalla festa di Ostara.

*Nota curiosa: In alcune lingue anche il nome è molto simile. Infatti in inglese Pasqua si dice Easter e in tedesco Ostern.

4-Culto dei santi

Inizialmente, essendo il Cristianesimo un culto monoteista, in netta contrapposizione con quelli pagani, non aveva affatto l’usanza di “festeggiare”, per così dire, i santi.

Anzi, si cercava di promuovere insistentemente l’idea che tutti gli uomini fossero uguali.

Con il passare del tempo però, si iniziò a parlare prima di “martiri” per designare cristiani uccisi e torturati a causa del loro credo, e infine prese sempre più piede il culto dei santi.

A favorire la nascita di questa tradizione anche il desiderio di sostituire la molteplicità di divinità che si festeggiavano nell’Impero.

Infatti, proprio come gli dei romani, ogni santo è legato ad un particolare tipo di persone. La festa del Dio venne sostituita dalle cosiddette feste del patrone e molti templi dedicati ad alcune divinità pagane vennero trasformare in chiese dedicate a santi specifici.

5- Capodanno

Secondo il calendario gregoriano il 1° Gennaio è l’inizio di un nuovo anno. Solitamente, in gran parte del mondo, si festeggia questo passaggio, per dire addio all’anno concluso e salutare quello che sta per venire.

Ma per molti è una festa religiosa, di precetto, nella quale si celebra la Solennità della vergine Maria. E per molti paesi, come l’Italia, è anche una festa civile.

Ma la sua origine è molto antica.

*Nota curiosa: La data del capodanno non è fissa per ogni parte del mondo, anzi. In generale, per tutti i paesi che seguono il calendario Gregoriano e quello Giapponese, si festeggia il 1° Gennaio. Gli altri, invece, hanno date diverse.

L’origine di questa festa deriva dal lontano 46 a.C., quando Giulio Cesare promulgò il calendario Giuliano. Prima di allora, infatti, l’anno iniziava il 1° Marzo.

Il calendario si basava sulle scorrere delle stagioni e il mese di Gennaio fu dedicato al dio Giano, da cui il mese trae il nome.

Ed è proprio dai festeggiamenti in onore di questa divinità che trae origine la nostra moderna festa di Capodanno.

Giano era un dio tipicamente Italico e Latino, considerato la divinità dell’inizio, tanto che non si poteva intraprendere nessuna attività lavorativa o militare senza prima rivolgere una preghiera al dio.

Come dicevo prima, il 1° Gennaio non è sempre stata la data canonica, anzi, fino al 1691 d.C., anno in cui papa Innocenzo XII stabilì che tutti dovessero uniformarsi alla data del 1° Gennaio, in molti paesi e città anche Italiane si festeggiava in altre date.

Oggi la festa è diventata una delle più importanti nel nostro calendario, con tutti i suoi rituali di passaggio che spesso diamo anche per scontati.

******

Queste sono solo cinque delle festività cristiane, oltretutto le più famose, che in realtà hanno origini pagane, ma l’elenco sarebbe davvero molto lungo.

Se vi è piaciuto questo articolo fatemelo sapere con un commento o un voto.

Se lo avete trovato interessante, condividetelo con i vostri amici.

A presto,

Chiara.

Elaborazione in corso…
Fatto! Sei nell’elenco.

Il coltellino svizzero… Che non è svizzero

Eccoci di nuovo qui per la mia rubrica “Lo sapevi che”. Questa volta parliamo di coltellini svizzeri.

Onestamente, non ne ho mai avuto uno, però è uno di quegli oggetti che ha sempre fatto parte della nostra società e di cui spesso non ci chiediamo quando sono nati ma soprattutto come e perché.

Beh, dal nome, tutti possiamo dedurre che sia un’invenzione Svizzera, e non è del tutto falso.

O meglio, la storia dice che fu uno Svizzero, un certo Karl Elsener che, sul finire dell’ottocento, inventò questo strumento molto pratico che venne subito messo in dotazione per i soldati.

La sua utilità gli permise di essere un prodotto molto venduto e diffuso e il suo inventore ne beneficiò molto, soprattutto durante la prima guerra mondiale.

Ma, la verità è che, il signor Karl Elsener non ha inventato nulla di originale.

Infatti, il coltello multiuso esisteva già ai tempi degli antichi romani e ne fu la prova il ritrovamento di uno di essi da parte dell’archeologo Pietro Barocelli, nel 1917, scavando in una tomba della necropoli dell’odierna Ventimiglia. Databile II sec. d.C.

0101765079

Come potete vedere nell’immagine, il coltello multiuso è composto di una lama, un punteruolo, una spatola, un pestello, un cucchiaio e una forchetta.

A riprova di tale ritrovamento, un secondo più recente reperto, rinvenuto alla fine del XX sec in un forte romano del Vallo di Adriano e ora esposto al Cambridge Fitzwilliam Museum. Databile III sec. d.C.

RomanArmyKnife02

Molto simile al primo esemplare, sia per forma che dimensioni, con eccezione per la forchetta che è collocata all’altra estremità del cucchiaio.

Ciò confermare che, molto probabilmente, fosse una produzione seriale e che quindi veniva usato e diffuso, soprattutto tra i soldati, in tutto l’Impero.

La scoperta di questi coltellini, tra l’altro, smentisce l’idea che la forchetta sia comparsa solo nel tardo medioevo e che tutti i Romani mangiassero solo con le mani o al massimo con il cucchiaio.

Eravate a conoscenza di tutto ciò?

Io ho scoperto questa curiosità due anni fa, leggendo un articolo della rivista archeologica che si chiama “Archeo” e l’ho trovato davvero interessante ed illuminante.

Voi che ne pensate?

A presto con un nuovo trafiletto.

Chiara.

Elaborazione in corso…
Fatto! Sei nell’elenco.

La scrittura, un lavoro solitario… più o meno

Quando si pensa alla figura dello scrittore, lo si immagina solo, nella sua cameretta, davanti al computer, completamente al buio, con una tazza di caffè e nulla più.

Perché la scrittura è, principalmente, un lavoro solitario.

Nasce dall’esigenza di mettere per iscritto i propri pensieri, le proprie idee e, perché no, i propri sogni.

E spesso e volentieri lo si fa con la consapevolezza che ciò che si scrive non uscirà mai dal tuo pc.

A volte è proprio l’autore stesso che decide di scrivere qualcosa “fine a se stessa”, senza l’intento di farla leggere a terzi.

Ed è quello che ho fatto io per ben otto anni.

Scrivevo, scrivevo e scrivevo, in solitario. La maggior parte della mia famiglia era a conoscenza di questa mia passione ma nessuno aveva mai letto una riga.

Per quanto mi riguarda, per tutto quel tempo non ho mai pensato che i miei scritti potessero essere letti da un pubblico.

E mai e poi mai mi sarei sognata di rendere la mia passione qualcosa di simile ad una professione.

Scrivo per me, prima di tutto. E tutto il resto è solo un contorno.

E questo principalmente è ciò che potrebbe dirvi qualsiasi scrittore.

Ma quando poi nasce l’esigenza di far leggere il proprio lavoro a qualcuno, scatta qualcosa di diverso. Un’esigenza completamente nuova.

Perché nel momento esatto in cui consegni una tua opera a qualcuno, che sia anche solo tua madre, a quel punto non è più solo tua.

Diventerà automaticamente di tutti coloro che la leggeranno. Sarà soggetta a complimenti ma anche a critiche.

Non posso dirvi con esattezza cosa scatta nella testa di ogni scrittore che decide di fare questo passo, o meglio salto, nel vuoto.

Posso solo darvi la mia esperienza personale.

Perché dopo otto anni, ho deciso che ero stanca di tenere le mie storie in una cartella digitale e, dopo aver preso un bel po’ di coraggio, le ho mostrate al mondo.

E l’ho fatto usando una piattaforma online che si chiama “wattpad”.

Un’esperienza, di cui parlerò anche in futuro, che continua ormai da due anni e che mi ha permesso di trasformare la scrittura solitaria in qualcosa di completamente diverso.

Un’opportunità per confrontarsi con altri scrittori e con i lettori. Un’occasione per migliorarsi e mettersi in gioco.

Ed è così che, improvvisamente, la scrittura non è più un lavoro solitario…

Chiara

Elaborazione in corso…
Fatto! Sei nell’elenco.

La figura del gladiatore: tutto ciò che non sapete su di loro, o quasi tutto…

Nell’articolo precedente ( clicca qui per leggere), abbiamo parlato del mito del pollice verso.

Ora vorrei soffermarmi più in generale sulla figura del gladiatore, che da sempre è associata nell’immaginario all’epoca romana.

Ma come spesso succede, più una figura è popolare e più crescono miti e leggende, a volte del tutto infondate o inesatte.

Quando si pensa alla figura del gladiatore, si crede che fossero tutti uomini resi schiavi a causa della guerra o condannati a morte.

Ma tra di loro c’era anche una piccola percentuale di cittadini romani che decidevano di intraprendere questa strada principalmente per due motivi. O perché oppressi dai debiti o solo perché erano in cerca di ricompense e glorie.

Sì, avete capito bene. I gladiatori, soprattutto i più popolari, ricevevano ricompense in denaro e, cosa non da trascurare, erano considerati quasi al pari delle nostre star del cinema.

La condizione di infamis, infatti, come erano spesso identificati i gladiatori, veniva meno quando questi ultimi diventavano dei veri eroi, con tanto di fan al seguito. Tenuti in buona considerazione, venivano osannati, adorati dalle donne e rispettati da tutti.

E più bravi erano più accresceva la possibilità di ottenere il rudis, gladio di legno che più comunemente veniva usato durante gli allenamenti ma che, in quella specifica situazione, era il simbolo della loro libertà.

Un gladiatore libero, poi, poteva decidere di continuare a combattere per soldi o, come spesso succedeva, finiva per essere ingaggiato proprio all’interno delle scuole gladiatorie come istruttore.

All’inizio della sua carriera, il gladiatore doveva fare un giuramento solenne, detto sacrementum gladiatorium, nel quale prometteva di mettere a disposizione il suo corpo, di sopportare qualsiasi dolore, in nome di tale giuramento.

Un po’ come se, giurando, ammettessero di essere volontari, di aver deciso loro quella vita. Anche se, il più delle volte, non era così.

Un’altra cosa che spesso viene associata ai giochi gladiatori è la facilità con la quale l’imperatore decideva della vita o della morte di quei combattenti. Ma in realtà si tratta di un inesattezza storica.

Infatti, per quanto possa sembrare assurdo, non era poi una prassi così comune che l’imperatore decretasse la morte di un gladiatore alla fine di un combattimento. Ciò per un motivo puramente pragmatico e legato ai soldi.

Per noi che viviamo in una società senza schiavitù, è difficile riuscire a pensare che ci sono stati periodi nella storia umana in cui delle persone venivano considerate veri e propri oggetti, posseduti da altre persone.

Ma è proprio questo che erano i gladiatori. Oggetti. Oggetti che erano stati pagati, oggetti sui quali il padrone aveva speso ulteriore denaro per prendersene cura, allenarlo e renderlo poi un gladiatore in grado di fruttare altri soldi. Insomma, un investimento.

Perciò è inverosimile pensare che, dopo tutta la fatica economica per farlo entrare nell’arena, alla prima sconfitta venga decretata la sua morte, solo perché il pubblico lo richiede a gran voce. Sarebbe stato controproducente e poco redditizio.

Questo però non deve farvi pensare, erroneamente, che i gladiatori non morissero facilmente. Anzi, tutto il contrario. Ma la maggior parte di loro perivano dopo il combattimento, a causa di complicazione mediche dovute dalle loro ferite.

Molti morivano giovani, molti altri al loro primo incontro e pochi, davvero rari, riuscirono a restare in vita abbastanza a lungo da diventare leggende e ottenere il famigerato rudis.

In sintesi, la figura del gladiatore è molto più complessa, come complesse sono le dinamiche che girano intorno a questo fenomeno, e con questo articolo ne ho solo accennato. Diventerebbe un libro intero, se decidessi di entrare più nel dettaglio, però spero che vi sia comunque piaciuto e soprattutto di avervi sorpreso con alcune curiosità.

A presto con un nuovo articolo della rubrica: Lo sapevi che.

Chiara

Elaborazione in corso…
Fatto! Sei nell’elenco.

Pollice verso… sì o no?

Chi non ha mai creduto alla storia del pollice verso?

Lo abbiamo visto nel “Il gladiatore” e in molti altri film e serie tv ambientati nell’antica Roma ed è diventato presto parte integrante della storia.

Si pensa che, gli imperatori usassero due gesti per indicare la salvezza o la morte dei gladiatori che avevano combattuto nell’arena. Pugno chiuso e pollice rivolto in alto per la vita, pugno chiuso e pollice rivolto in basso per la morte.

Un po’ come quando, all’asilo, si voleva comunicare ad un compagno se era ancora tuo amico per la pelle oppure no.

E con il tempo, quel gesto, il pollice verso, ha assunto nella nostra cultura un significato chiaro e lapidario: condanna.

Ma è vero che i Romani lo usavano? Oppure è solo un mito da sfatare?

Per rispondere a ciò è bene fare un passo indietro e chiedersi da dove nasce questa convinzione.

Partiamo dal fatto che le fonti storiche riguardo a questo gesto antico sono scarne e confuse.

In alcuni passi di opere famose possiamo trovare la dicitura “verso pollice”, in altre invece “converso pollice”, oppure altre forme meno diffuse.

Il problema sta proprio nell’interpretazione di tali espressioni, ovvero se il significato di “girato” vada inteso all’insù o all’ingiù.

Da dove nasce quindi la definizione che tutti noi conosciamo?

Sembrerebbe che la causa sia da attribuire ad un quadro, “Pollice verso”, di Jean-Léon Gérôme, del 1872.

jean-leon_gerome_pollice_verso-1

Nel quadro, appunto, un gruppo di vestali sono raffigurate nell’atto di abbassare il pollice, verso terra, per decretare la morte del gladiatore sconfitto.

Sembrerebbe che sia proprio questa tela ad aver ispirato Ridley Scott per il suo gladiatore e che, sempre voci di corridoio, abbia deciso di mantenere questa versione anche quando gli fu detto che non era del tutto esatta.

Infatti, purtroppo per gli amanti del film, devo annunciarvi che questo mito non è esatto.

I Romani erano del tutto estranei al gesto del pollice all’ingiù. Ma usavano comunque due gesti ben distinti per affermare la loro decisione.

La maggior parte degli studiosi è sempre stata d’accordo che il gesto che avrebbe dovuto sancire la condanna del gladiatore fosse la mano aperta con il pollice verso l’alto, o al limite posto orizzontalmente. Ciò a simboleggiare una spada sguainata.

Per indicare invece una spada nel fodero, simbolo di salvezza, i Romani mettevano il pollice all’interno del pungo chiuso.

Questa ipotesi fu maggiormente confermata dal ritrovamento, nel 1997, di un medaglione romano raffigurante un giudice nell’atto di chiudere il pugno intorno al pollice accanto a due gladiatori, con l’iscrizione: “Quelli in piedi verranno liberati”.

Quanti di voi conoscevamo questa storia?

Elaborazione in corso…
Fatto! Sei nell’elenco.

Lo sapevi che – rubrica

Per quanto può sembrare contraddittorio, il passato è tutt’altro che morto e statico.

Ogni giorno si fanno nuove scoperte sensazionali, fonti e reperti che possono confermare tesi passate come confutarle e metterle in crisi.

Studiosi di tutto il mondo ne discutono, fanno ipotesi, spesso si trovano in accordo ma spesso invece, no.

Ed è per questo che nulla è mai certo fino in fondo quando si parla di storia.

Miti radicati nella nostra cultura possono essere smentiti e quello che conosciamo adesso potrebbe essere diverso da ciò che scopriremo tra un anno, o magari tra un mese.

Cose che per noi sono all’ordine del giorno possono nascondere dietro una storia interessante, che fino a questo momento non conoscevamo.

Durante la stesura delle mie storie, e anche prima, mi sono imbattuta in tante curiosità e miti sfatati che voglio condividere con voi.

Ed è per questo che ho aperto questa rubrica: Lo sapevi che.

Forse qualcuna lo conoscerete già, e qualcun’altra vi lascerà a bocca aperta. Ma lo scopo per me sarà sempre lo stesso: Imparare divertendosi.

E se c’è qualche chicca storica che conoscete, che pensate sia interessante, voglio conoscerla anche io.

Chiara

Elaborazione in corso…
Fatto! Sei nell’elenco.

Premessa – Omnia vincit amor

Omnia vincit amor è un piccolo progetto che avevo in mente già da tempo ma che non ho mai avuto modo di sviluppare.

L’idea mi è venuta grazie alla mia grande passione per la storia dell’antica Roma e anche durante la stesura di un romanzo, intitolato Ave Caesar, all’interno del quale vi è presente un personaggio storico del periodo molto famoso, e, a mio avviso, uno dei più interessanti.

La sua storia d’amore mi ha appassionato ancora di più a quel periodo, e mi ha commosso al punto da volerne parlare.

Da qui è nato il progetto Omnia vincit amor.

Una serie di racconti brevi con protagonisti personaggi storici e i loro amori.

Come amavano nell’antica Roma?

Se vi incuriosisce scoprire la risposta a questa domanda, vi basta seguire i miei racconti ad episodi proprio qui, sul mio blog.

Inizierò a postarli a settembre, perciò non vi resta che aspettare e nel frattempo chiedervi chi sarà il primo personaggio che finirà tra le mie righe.

A presto,

Chiara

Elaborazione in corso…
Fatto! Sei nell’elenco.

Un buon inizio…forse

Buonasera,

Questo è il mio primo articolo su un blog, in assoluto. Non sono mai stata una persona molto tecnologica (sono all’antica, per così dire), e fino a Novembre dell’anno scorso non avevo neanche Facebook. Ora mi ritrovo con un profilo FB, una pagina FB, un profilo Instagram e perfino un sito web con tanto di blog. Forse è un po’ troppo per me e abbiate pazienza se farò un po’ di confusione.

Continua a leggere “Un buon inizio…forse”