De gustibus: a cena con gli antichi romani

De gustibus ricetta #1: Tiropatinam, il budino degli antichi romani

Come prima ricetta per questa rubrica ho scelto qualcosa che sia allo stesso tempo abbastanza facile e senza troppi ingredienti o di difficile reperibilità.

Anche io, come voi, sono alle prime armi con questo tipo di ricette, per questo meglio iniziare piano.

La ricetta ci viene tramandata da Apicio, un cuoco e scrittore romano, vissuto tra il I secolo a.C. e il I secolo d.C. Grazie alla sua opera, il “De re Coquinaria”, ci sono giunte a noi la maggioranza delle ricette dell’antica Roma.

Come quella della Tiropatina, un budino a base di latte e uova che proveremo a fare oggi.

Gli ingredienti sono pochi, semplici e che tutti noi sicuramente abbiamo sempre in cucina. Latte, uova, miele e pepe.

Le uova sono un ottimo addensante e proprio per questo non vi è bisogno dell’uso di farina o di amido di mais. Non essendoci ancora lo zucchero, in epoca romana, il dolcificante per eccellenza è il miele, molto usato dai nostri antenati. Così come il pepe, una spezie che, pare, essere molto amata da Apicio.

Vi riporto qui di seguito prima il procedimento originario, con traduzione annessa, e in seguito il procedimento che ho seguito.

Ricetta originale

Accipies lac, adversus quod patinam aestimabis, temperabis lac cum melle quasi ad lactantia, ova quinque ad sextarium mittis, si ad eminam, ova tria.In lacte dissolvis ita ut unum corpus facies, in cumana colas et igne lento coques.Cum duxerit ad se, piper aspargis et inferes.

Traduzione

Prenderai tanto latte quanto entrerà nel tegame, scioglierai latte con il miele quasi per farne un dolce al latte, metti 5 uova per un sestiario di latte (542 ml) o 3 per un’emina di latte (271 ml). Sciogli nel latte in modo da fare un corpo unico, cola in una Cumana (terrina bassa con coperchio) e cuoci a fuoco lento. Quando sarà rappresa cospargi di pepe e servirai.

Ricetta interpretata (nel dettaglio)

Ingredienti (per tre persone):

  • 3 uova
  • 300 gr. di latte intero
  • 3 cucchiai di miele
  • pepe nero macinato q.b.

Procedimento

Preriscaldiamo il forno a 150°.

1- In un pentolino riscaldiamo il latte con il miele, fino a farlo sciogliere.

2- Sbattiamo le uova con un frusta, delicatamente.

3- Uniamo alle uova il latte con il miele e mischiamo delicatamente.

4- Mettiamo il composto, dopo averlo filtrato, all’interno di uno stampo o di pirottini.

5- Inseriamo i pirottini, o lo stampo, in una pirofila più grande con all’interno dell’acqua calda fino a coprire metà dell’altezza dei pirottini.

6- Inforniamo il tutto e lasciamo cuocere per 1 ora/ 1 ora e mezza (fino a quando si addensa e, inserendo una lama di coltella, ne uscirà pulita).

Mi raccomando, la temperatura del forno non deve mai superare i 160° perché il budino deve cuocere ed addensarsi lentamente, e l’acqua non deve bollire.

Una volta pronti tiriamoli fuori, lasciamoli freddare e mettiamoli in frigorifero per almeno 4 ore.

Aiutandoci con un coltello, stacchiamoli dai pirottini e capovolgiamoli su un piatto. Poi condiamo con una spruzzata di pepe macinato e/o a piacere.

Io ho deciso di condirli con pepe, miele e alcune more fresche che avevo in giardino.

I budini così sono pronti per essere mangiati e apprezzati da tutti poiché hanno una consistenza e un sapore molto simile a quello dei budini moderni.

Considerazioni personali

  • Io in casa avevo solo dei pirottini in silicone molto flessibili con i quali non mi sono travata un granché bene soprattutto alla fine, quando ho dovuto sformare il budino. Infatti ho notato che un po’ di esso rimanere sempre attaccato ai pirottini, in fondo, e credo che sarei riuscita ad ottenere un risultato migliore e più preciso usando pirottini e forme più rigide.
  • Non fatevi spaventare dall’uso del pepe in una ricetta dolce come questa. Io, non sapendo se il contrasto mi sarebbe piaciuto, ho deciso di macinarci sopra poco pepe e di aggiungere anche un cucchiaino di miele come topping e sono rimasta positivamente sorpresa per quanto mi sia piaciuto il contrasto pepe/miele che si è creato. Provare per credere (perfino mio padre ne è andato pazzo).

Posso ritenermi pienamente soddisfatta per questa prima ricetta, tanto che ora non vedo l’ora di provare qualcos’altro.

Fatemi sapere se anche voi avete deciso di cimentarvi in questa ricetta e come è andata.

Chiara.

Elaborazione in corso…
Fatto! Sei nell'elenco.
Annunci

3 risposte »

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.